Devastante esplosione a Beirut: paura per i bambini colpiti

 

 

Un’enorme esplosione ha colpito Beirut, la capitale del Libano, il 4 agosto uccidendo almeno 135 persone e ferendone oltre 5.000; più di 300.000 persone sono rimaste senza casa. Secondo fonti governative, l'esplosione è stata causata dall'incendio scoppiato in un magazzino che conteneva 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio. Il governatore di Beirut ha riferito che l'esplosione ha causato danni per almeno 5 miliardi di dollari e ha dichiarato lo stato d’emergenza per due settimane.Molte famiglie sono state costrette a cercare un riparo temporaneo nelle scuole, presso conoscenti e in altri edifici amministrativi. L'impatto complessivo dell’esplosione è ancora in fase di valutazione, ma si stima che almeno 500.000 persone necessitano di assistenza a causa delle conseguenze delle distruzioni. 

 

World Vision sta valutando i danni provocati e i il nostro staff sul posto ha definito l’evento come “uno dei momenti più difficili che il Paese ha mai dovuto affrontare”. Come organizzazione umanitaria, siamo preoccupati per il benessere dei bambini di Beirut e per le loro famiglie. L’esplosione ha coinvolto diversi quartieri situati nel centro, distruggendo case, causando danni ingentissimi e rilasciando un fumo denso e tossico nell’area.

 

“L’esplosione ha scosso non solamente la città di Beirut, ma l’intero paese. World Vision lavora in Libano dal 1975, con progetti in favore della popolazione locale e dei rifugiati siriani. Siamo molto preoccupati per le famiglie e i bambini che vivono nelle aree colpite. Stiamo cercando di capire l’impatto che questo evento ha avuto sulla popolazione. Questo disastro non poteva arrivare in un momento peggiore: il Libano sta attraversando una crisi economica e, nelle ultime settimane, abbiamo riscontrato un drastico aumento dei contagi derivanti dal COVID-19” ha dichiarato Josephine Haddad, Communications Manager di World Vision Libano.

 

“Siamo preoccupati per la salute e la sicurezza delle persone in Libano, soprattutto per coloro che sono rimasti feriti. Preghiamo per una pronta guarigione di migliaia di feriti e per le anime di coloro che, a causa di questa esplosione, non ce l’hanno fatta” afferma il Direttore di World Vision Libano, Hans Bederski. Anche due membri dello staff di World Vision hanno riportato delle ferite lievi e sono in condizioni non preoccupanti. World Vision Libano sta attualmente conducendo una rapida valutazione dei bisogni dei bambini e delle persone più vulnerabili che lasciano l'area colpita (Jdeideh-Bouchrieh-El Sed, Borj Hammoud, Sin El Fil, Furn El Chebbak, Ghobeiri, Chiah, Beirut, Choueifat).

 

Le prime osservazioni mostrano che sono necessari cibo, alloggio, articoli per l'igiene. I bambini stanno vivendo un trauma e richiedono un primo aiuto psicologico. I dispositivi di protezione saranno necessari per prevenire un'ulteriore diffusione del coronavirus e ridurre l'impatto su sistemi sanitari già eccessivamente sotto pressione.

 

Per la fase iniziale della risposta, World Vision ha bisogno di 5 milioni di dollari per raggiungere 120.000 persone con un supporto immediatoL'assistenza iniziale includerà: bisogni di base (cibo, articoli per la casa e prodotti per l'igiene) per migliaia di famiglie che ora sono senza tetto; allestimento di alloggi temporanei per le famiglie le cui case sono state danneggiate; primo soccorso psicologico per aiutare i bambini e le famiglie colpite dall'esplosione. 

 

Aiutaci a portare gli aiuti necessari alla popolazione di Beirut colpita dall’esplosione!