Giornata dell’Igiene Mestruale

Il 28 Maggio è la Giornata dell'Igiene Mestruale

Il 28 Maggio si celebra la Giornata dell’Igiene Mestruale, un appuntamento che spesso passa inosservato, ma su cui è importante riflettere. Infatti, ogni mese in tutto il mondo, circa 1.8 miliardi di donne hanno le mestruazioni e in media una donna le ha per un totale di 7 anni della sua vita. Le mestruazioni dunque non dovrebbero essere viste come un tabù, come avviene ancora in molti paesi, ma un fatto naturale ed intrinseco della femminilità.

Prima dell’intervento di World Vision Bangladesh, Suchitra, 15 anni, e le sue amiche soffrivano a causa della mancanza di acqua pulita, sapone, materiale igienico e bagni separati a scuola.Non avendo spazi adeguati, mi sentivo costretta a rinunciare ad andare in bagno e aspettare di tornare a casa. Inoltre, i bagni erano vecchi e sporchi, non c’erano acqua pulita né sapone, e questo portava molte malattie” afferma Suchitra.

Durante le mestruazioni, le cose peggioravano ancora di più. Le studentesse si sentivano discriminate, emarginate ed erano costrette ad assentarsi per diversi giorni al mese: “Eravamo obbligate a nasconderci e cambiare l’assorbente in classe, provando un senso di vergogna fortissimo. Cercavo di stare il più ferma possibile e non mi alzavo per paura che il sangue macchiasse i miei vestiti”.

Stanca di vivere in questo stato, un giorno Suchitra e le sue amiche hanno preso coraggio e si sono rivolte a un’insegnante per segnalare il problema. La loro lotta irrefrenabile ha portato le autorità scolastiche a lavorare con World Vision e a trasformare la scuola in un luogo sicuro per tutte. World Vision ha installato bagni separati e rubinetti nuovi, distribuito dispositivi sanitari e organizzato laboratori per combattere la disinformazione sul ciclo mestruale e insegnare alle studentesse le corrette norme igieniche. Suchitra afferma sorridente: “Siamo felici di avere queste comodità a scuola e siamo grate a World Vision per il supporto che ha dato alla nostra piccola ma significante iniziativa. Ci sentiamo più tranquille, libere e finalmente possiamo godere di una vita più dignitosa”.

Suchitra ha ragione: per ancora troppe persone, l’accesso ai servizi igienici base è un privilegio che sembra irraggiungibile, specialmente per chi vive in aree remote. A livello mondiale, sono più di 2 miliardi le persone che non dispongono di servizi igienici base, e nei paesi meno sviluppati solo il 27% della popolazione ha la possibilità di lavarsi con acqua e sapone direttamente nella propria casa.

Nel 2021, il progetto WASH (Water, Sanitation and Health) di World Vision Bangladesh ha raggiunto più di 8mila persone nel paese. Il progetto mira sia a migliorare l’accesso all’acqua pulita sia alla diffusione di corrette pratiche igieniche, tra cui quella mestruale, tramite la distribuzione di kit a migliaia di studentesse e la formazione e sensibilizzazione per combattere il tabù intorno alle mestruazioni.

Sostieni i progetti WASH di World Vision, il tuo contributo migliorerà la vita di molte ragazze come Suchitra!