Il distretto di Mangochi, in Malawi, è finalmente libero dalla Malaria!

Un grande traguardo raggiunto da World Vision

E' con grande gioia che World Vision Italia comunica la fine della Malaria nel distretto di Mangochi, Malawi!

 

Qui vivono persone come Halima, una bambina di 10 anni che a causa della malaria e delle conseguenti lunghe cure, nel 2019 non passò gli esami finali e fu costretta a ripetere l’anno. Halima era molto preoccupata e temeva il giudizio dei suoi nuovi compagni. Per fortuna, strinse subito amicizia con Anifa e la paura lasciò presto il posto all’entusiasmo e alle nuove scoperte. Circa un mese prima degli esami finali, anche Anifa si ammalò di malaria e venne ricoverata al Mangochi District Hospital. Con grande fatica e grazie al sostegno e alla vicinanza dell’amica, Anifa riuscì a superare gli esami. Ora continua a giocare e studiare con Halima e sogna di diventare un medico.

 

Le storie di Halima e Anifa non sono casi isolati in Malawi. Infatti, sono moltissimi gli studenti che faticano a stare al passo con le lezioni a causa della diffusa malattia. Solo nel 2020, in Malawi sono stati circa 7 milioni i casi di malaria e più di 2 mila i morti. La malaria ha un forte impatto socioeconomico in Malawi.   In particolare, impedisce agli studenti più giovani di frequentare le lezioni e dunque porta all’aumento del fenomeno dell’assenteismo, perdita di ore produttive e alti costi per la prevenzione e il trattamento della malattia.

 

Nel 2021, la famiglia di Halima e molte altre del distretto di Mangochi hanno beneficiato dell’intervento Indorr Residual Spray implementato da World Vision, in collaborazione con il Ministero della Salute malawiano, che allontana ed uccide le zanzare portatrici di malaria dalle abitazioni. In pochi mesi, World Vision ha isolato 516 mila case nei distretti di Mangochi, Balaka e Nkhataby.

 

Halima dice: “Sono contenta perché finalmente posso tornare a scuola. Lavorerò sodo per recuperare il tempo perso e migliorare la mia istruzione”.

 

Non solo gli studenti beneficiano di questo intervento, ma anche i genitori ne sono estremamente grati. Patuma, la madre della bambina, finalmente potrà dedicarsi serenamente al suo small business, senza dover occuparsi dei figli malati. Patuma racconta: “Spesso i bambini non potevano andare a scuola e passavo interi giorni a prendermi cura di loro, spendendo i pochi risparmi per le visite all’ospedale”. Oggi la madre è sollevata e vive serena, pensando alla malaria come a un terribile ricordo del passato.

 

L’insegnante Ireen è emozionata nel rivedere tutti i suoi studenti in classe. “Prima molti banchi erano vuoti e il registro era pieno di buchi. L’intervento di World Vision ha fatto aumentare la presenza dei bambini a lezione”, afferma la maestra.

 

 

Anche i medici e infermieri possono tirare un sospiro di sollievo. Secondo il Dottor Abudu, dal 2019 ad oggi i casi di malaria sono in netta diminuzione (da 386 a 183 ogni mille abitanti). Il dottore ha assistito a un significante calo delle ospedalizzazioni e addirittura alcune medicine sono state donate agli ospedali dei distretti limitrofi.

 

 

Il distretto di Mangochi vive ora libero dalla malaria, gli ospedali si stanno svuotando e le classi sono tornate piene. Ma la lotta contro la malaria non è finita. É fondamentale che l’intervento di World Vision continui nel tempo e si allarghi ad altre comunità del territorio.