Otto anni di guerra in Siria e il marchio indelebile sui bambini

Negli ultimi 8 anni, il lavoro di World Vision in Siria ha raggiunto oltre 3 milioni di persone attraverso interventi nei settori igienico-sanitari, di protezione dei minori, istruzione e nutrizione.

Dopo 8 anni, la fine del conflitto appare lontana. Secondo l'Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari (2019), "i civili continuano a sopportare il peso di un conflitto segnato da sofferenze senza precedenti, distruzione e disprezzo per la vita umana [...] molte persone sono state sfollate più volte". Secondo l'Humanitarian Need Overview del 2019, quasi 12 milioni di siriani hanno ancora bisogno di assistenza umanitaria, compresi 5 milioni di bambini. 

 

Un recente sondaggio World Vision ha rilevato che il 66% dei bambini siriani vive in alloggi non sicuri, il 57% ha bisogno di aiuto per rimanere a scuola, il 59% non ha accesso all'assistenza sanitaria e l'89% non ha accesso al sostegno psicologico.

 

Dona per i bambini siriani

 

I bambini che sono fuggiti con le loro famiglie nel vicino Libano, in Giordania e in Turchia continuano ad affrontare un futuro incerto, sono costretti a barattare la propria infanzia per ottenere un lavoro, per pagare le spese di base della casa. Le ragazze si sposano presto perché le loro famiglie non possono provvedere a loro e temono di non poterle tenere al sicuro. Nonostante ciò, le condizioni in Siria sono considerate peggiori.

 

 

La Siria ha prodotto la maggior parte dei rifugiati e i paesi confinanti hanno i più alti tassi di accoglienza di rifugiati nel mondo. In Libano 1 su 6 è un rifugiato, in Giordania 1 su 14 e in Turchia 1 su 23. Con il protrarsi del lungo conflitto siriano, World Vision continua a impegnarsi a mobilitare risorse per raggiungere coloro che hanno bisogno di assistenza e sollievo - maggiormente verso la generazione di bambini sfollati, intrappolati e derubati della loro infanzia dal conflitto.