E’ importante fare qualcosa di concreto, che si possa “sentire”

Il mio sogno nel cassetto sarebbe volare in Mali, un giorno, per incontrare Binta, per poterla guardare negli occhi e dirle, come spesso le ho scritto, quanto in questi anni sono stata orgogliosa di lei.

Mi chiamo Tiziana, lavoro a Milano e mi occupo di comunicazione multimediale e organizzazione di grandi eventi. Da qualche anno ho l’onore di aiutare a crescere a distanza Binta, la mia bellissima bimba del Mali. Grazie alle sue lettere e alle sue fotografie, posso vedere i suoi progressi a scuola, guardarla diventare ogni anno più grande e sapere come vive con la sua famiglia, cosa ama fare quando non studia e come il mio piccolo aiuto può servire nelle piccole cose sue e del suo villaggio.

 

Ho scelto questa forma di sostegno perché per me era importante fare qualcosa di concreto, che si potesse in qualche modo “sentire”. Purtroppo nelle mie precedenti esperienze, le associazioni e i bambini mi erano sempre sembrati molto distanti, non c’era la possibilità di comunicazione diretta, cosa che invece World Vision offre ai suoi sostenitori. Trovo che la serietà dell’organizzazione e il rapporto diretto con il bambino siano quel qualcosa in più che rende questa mia scelta, di cui vado fiera e che sempre cerco di sponsorizzare come posso, così speciale nel suo genere. Il mio sogno nel cassetto sarebbe volare in Mali, un giorno, per incontrare Binta, per poterla guardare negli occhi e dirle, come spesso le ho scritto, quanto in questi anni sono stata orgogliosa di lei.

 

Tiziana